Salta al contenuto principale

OSSITAGLIO

Il processo di ossitaglio permette il taglio dei metalli per effetto dell’avvio di una reazione di combustione del ferro grazie ad un flusso di ossigeno puro, attraverso la realizzazione di uno strato fuso di ossido di ferro, bassofondente, che si propaga lungo tutto lo spessore del pezzo fino allo “sfondamento”, sul lato opposto, attraverso il quale viene evacuata la massa fusa di ossidi. La scelta del gas combustibile influenza notevolmente i tempi necessari per raggiungere l’innesco del taglio e la forma della superficie superiore del taglio. Il grado di purezza dell’ossigeno permette un netto miglioramento della massima velocità raggiungibile e permette di tagliare senza ricorrere a prelavorazioni meccaniche.

Indipendentemente che si tratti di attrezzature automatiche o manuali, il cannello di ossitaglio monterà delle punte che si differenziano in funzioni di:

  • Massimo spessore tagliabile
  • Tipo di gas combustibile utilizzato (acetilene, propano, metano etc.)

Gas