Salta al contenuto principale

 

 

 

Il ruolo chiave del biometano nel mix energetico britannico

 

 

 

 

Il biometano è una fonte di energia rinnovabile derivante dal biogas. Può essere utilizzato come carburante per il trasporto pesante, immesso nella rete o impiegato per applicazioni industriali al posto del gas naturale a base fossile. Inoltre, essendo prodotto a partire da rifiuti, questa forma rinnovabile di gas naturale si contraddistingue per un impatto ambientale molto positivo. Queste caratteristiche non sono passate inosservate nel Regno Unito, dove le normative cominciano a favorire il biometano e a sostenere le imprese nello scoprire il suo potenziale. Grazie ad una forte posizione sul mercato, Air Liquide sta contribuendo a questi sviluppi.

Già presente nel mercato britannico, il biometano ha conosciuto una rapida evoluzione negli ultimi anni. Solo tra il 2019 e il 2020, ad esempio, il Gas Vehicles Network ha registrato un balzo del 78% nel numero di veicoli pesanti alimentati a gas (HGV) della flotta britannica - che, in netto contrasto con le controparti europee, dipende solo per 7% da gas naturale derivante da fonti fossili. Questo perché la fonte primaria di combustibile per i camion a gas nel Regno Unito è il biometano, un biogas purificato che ha anche il potenziale per sostituire il gas fossile nella rete di riscaldamento domestico del Regno Unito e in diverse applicazioni industriali su larga scala.

La maggior parte della materia organica può essere trasformata in gas. Per produrre biogas, una materia prima composta da scarti agricoli o rifiuti viene scomposta in un ambiente privo di ossigeno - un processo noto come digestione anaerobica. Grazie ad una tecnologia a membrana di proprietà di Air Liquide, è possibile filtrare l'anidride carbonica e altri contaminanti presenti nel biogas risultante, ottenendo metano puro. Questo biometano, chiamato anche gas naturale rinnovabile, è della stessa purezza e ha lo stesso contenuto energetico del gas naturale da fonti fossili. Come tale, può essere iniettato direttamente nella rete o utilizzato come combustibile.

Considerato che l'85% delle case britanniche è collegato alla vasta rete di gas del Paese, sostituire anche una piccola percentuale di gas naturale con il biometano avrebbe un impatto importante sulle emissioni di carbonio. Inoltre, il fatto che il biometano possa sostituire il gas naturale ovunque venga utilizzato ne fa una fonte di energia a emissioni zero per i processi industriali che, ad esempio, non possono essere elettrificati. Infine, il biometano rappresenta già un importante aiuto per ridurre le emissioni delle flotte di camion di autotrasportatori e operatori logistici. 

Naturalmente, i benefici ambientali del biometano dipendono dalla materia prima utilizzata per produrlo. "Quando Air Liquide ha iniziato a studiare il biometano intorno al 2014", afferma David Hurren, CEO UK di Air Liquide Biogas Solutions Europe, "era chiaro che dovevamo evitare di impattare sull'utilizzo del suolo. Per questo motivo, il biometano Air Liquide è ottenuto interamente da rifiuti organici come gli scarti alimentari e i residui industriali. Anche se dovrei specificare," avverte, "che non ci piace il termine “rifiuto”: si tratta, infatti, delle risorse per la transizione di energia verde."

 

Capitalizzare l’aumento della separazione dei rifiuti

L’aspetto interessante di queste risorse è che ogni persona nel Regno Unito le produce ogni giorno. Mangiare una banana, per esempio, genera immediatamente spreco di cibo sotto forma di buccia. "Mentre le quantità di acque reflue sono abbastanza stabili, lo spreco di cibo domestico è un flusso di risorse che cresce ogni giorno", spiega Hurren. Non perché la gente mangi di più, ma perché sempre meno di quello che non mangia finisce in discarica.

La maggior parte dei consigli locali offre oggi bidoni per la raccolta dei rifiuti alimentari e la nuova legge ambientale prevista per il 2021 dovrebbe rendere obbligatoria la separazione degli sprechi alimentari - sia dai rifiuti generali che da altri rifiuti organici da giardino - entro il 2023."In Scozia", osserva Hurren, "c'è già un divieto di smaltimento dei rifiuti alimentari nelle discariche. Potrebbe non essere efficace al 100%, ma stimiamo che lì circa il 70% dei rifiuti di cucina e del cibo avariato sia ora separato. Ci sono poi gli scarti alimentari derivanti dal settore alberghiero," aggiunge Hurren, "e un'altra importante fonte di materia prima per il biometano Air Liquide sono i rifiuti agricoli, che rappresentano il 60% del mercato complessivo."

 

La crescente disponibilità di risorse è chiaramente una delle forze trainanti di questa accelerazione. La tecnologia è un’altra. "Quando abbiamo iniziato cinque anni fa", racconta Hurren, "il biometano era un'area interessante, ma piuttosto speculativa da esplorare. Ora è parte integrante della strategia per l’energia verde.” Il prodotto di proprietà originale Air Liquide era una membrana per filtrare il biometano dal biogas - un importante prerequisito nel mercato britannico. "Rispetto, ad esempio, alla sua controparte francese, la rete del Regno Unito ha standard di alimentazione elevati - 99% di metano- così i produttori di biogas che cercano di vendere agli utenti finali spesso hanno bisogno di supporto nell’upgrading del loro prodotto e poi nella connessione alla rete."

Espansione a valle e a monte

All'inizio del 2021, Air Liquide ha realizzato 35 impianti in tutto il Regno Unito, e attualmente sta finendo la sua decima unità di produzione, come sono chiamati gli impianti di purificazione del biogas in biometano. "In un primo momento, ci siamo concentrati sulla parte a valle della filiera, collaborando con le aziende per aiutarle a immettere gas nella rete", dice Hurren, ma Air Liquide si sta muovendo sempre più anche monte, per produrre effettivamente biogas da digestori operativi. Questo apre la strada allo sviluppo di soluzioni circolari nei casi in cui rivenditori o attori industriali generano potenziali materie prime in loco", spiega Hurren, citando come possibile fonte di ispirazione la Francia, dove esiste già un modello di economia circolare incentrato sul biogas.

Per David Hurren, lo slancio è diventato tangibile nella crescita del suo staff: "Siamo passati da un team di una persona a quasi 40 persone con sede nel Regno Unito in soli cinque anni." E sia per Air Liquide che per il mercato del gas naturale rinnovabile nel Regno Unito, più in generale, il 2021 si preannuncia un anno di vera trasformazione. Il Regno Unito ospiterà in autunno la COP26 e, in vista dell’evento, è stato annunciato che la vendita di camion a benzina e diesel tra 3,5 e 26 tonnellate sarà vietata dal 2035. Quelli più grandi che pesano oltre 26 tonnellate, dal 2040. L'obiettivo globale è quello di raggiungere un trasporto a zero emissioni di carbonio nel Paese nel 2050.

“Rispetto al diesel, il biometano riduce di circa il 90% le emissioni di CO2, dell’85% le emissioni di particelle nocive e del 50% circa il rumore,” spiega Hurren, “quindi non sorprende che molti nostri clienti stiano convertendo le loro flotte in camion alimentati a biometano, in linea con il loro impegno a ridurre la propria impronta di carbonio.” È il caso di ASDA, Waitrose e John Lewis, alcuni dei retailers che hanno messo in funzione nuove flotte di camion alimentate a biometano fornito dalle unità di produzione di biometano di Air Liquide.

Indirizzo

Air Liquide Italia S.p.A.
via Calabria, 31
20158 Milano

Telefono:

02 30464994

Chiedi un preventivo

Clicca qui per la tua richiesta