Salta al contenuto principale

 

 

 

I Fanghi di depurazione

Tutto ciò che c'è da sapere sui fanghi di depurazione

Cosa sono i fanghi di depurazione?

I fanghi di depurazione sono scarti prodotti da un impianto di depurazione. Contengono materiali minerali e organici. La loro composizione può variare in base alla modalità di trattamento degli effluenti e a seconda del settore nel quale l'acqua è stata utilizzata (nucleare, alimentare…). L'acqua trattata può essere acqua di origine industriale, meteorica o domestica.

 

Quattro tipologie di fanghi di depurazione

I fanghi risultanti daun impianto di depurazione possono essere suddivisi in quattro categorie:

-       fanghi primari,

-       fanghi fisico-chimici,

-       fanghi biologici,

-       fanghi misti.

Per approfondire…

Fanghi primari

Sono il risultato di un trattamento primario di decantazione. Questo processo dura circa due ore e permette di estrarre i materiali più pesanti rispetto all'acqua. Il principio è semplice:

  • l'acqua è raccolta in un decantatore e le impurità pesanti si depositano sul fondo,
  • le impurità raccolte sul fondo dell'impianto prendono il nome di fanghi primari e sono costituite da materia inorganica,
  • a questo livello, l'acqua è trattata circa al 40% e prosegue il proprio percorso verso il bacino di aerazione.           

Fanghi fisico-chimici

Derivano dal trattamento biologico secondario, che segue il trattamento primario. Questo trattamento permette di eliminare la materia organica che non era stato possibile rimuovere a monte. Questi fanghi sono quindi costituiti in modo prevalente da materia organica e contengono una bassa percentuale di materia inorganica.

Fanghi misti

Si tratta di una tipologia di fanghi intermedia che si trova tra i fanghi prodotti durante il trattamento primario per decantazione e quelli risultanti dal trattamento biologico secondario, vale a dire tra i fanghi primari e i fanghi fisico-chimici.

Fanghi fisico-chimici

Sono ottenuti per decantazione. Questi fanghi risultano da un trattamento con un reattivo. Provengono dalle filiere del nucleare e della chimica.

Vuoi sapere di più riguardo al processo di trattamento acque?

Qui sotto potrai trovare il nostro e-book con tutte le informazioni e i consigli dei nostri esperti.

Come devono essere trattati i fanghi di depurazione?

I fanghi prodotti da un impianto di depurazione hanno un livello di secchezza (l’essere secco, asciutto — Treccani) che oscilla tra l'1 e il 5%. Si rende quindi necessario procedere a un trattamento dei fanghi.

I fanghi sono costituiti da acqua libera o da acqua legata. L'acqua viene scarsamente assorbita ed è dunque facilmente dissociabile grazie a un sistema di disidratazione. All'acqua legata sono invece fissati particolato e batteri, che possono essere eliminati esclusivamente mediante essiccazione termica.

Il trattamento permette di ridurre il volume dell'acqua e di eliminare i diversi materiali inquinanti e fermentabili. Ha come obiettivo la preparazione di soluzioni di riciclaggio dei fanghi mediante valorizzazione o lo smaltimento.

Le quattro tecniche di trattamento dei fanghi

Esiste un trattamento appropriato in funzione della "configurazione" dei fanghi risultanti da di un impianto di depurazione:

  • ispessimento,
  • stabilizzazione,
  • disidratazione,
  • essiccazione.

Questi quattro processi possono essere complementari.

Per approfondire…

Ispessimento

Questa fase permette di aumentare il tasso di secchezza del fango, fino a portarlo al 6-8%. Questo processo è indispensabile per ottenere una maggiore qualità del trattamento successivo.

Stabilizzazione

La stabilizzazione e l'igienizzazione permettono di ridurre drasticamente il volume di acqua nel fango (fino all'80%), ovvero di essiccarlo (5-10% di acqua presente). Questa fase permette di ridurre considerevolmente i cattivi odori, di stabilizzare la materia organica e di eliminare qualsiasi organismo o batterio che potrebbe provocare malattie.

Disidratazione

La disidratazione permette di produrre un fango pastoso o solido (palabile) per mezzo di un aumento della secchezza del fango iniziale.

Essiccazione

Questo processo permette di ottenere un fango solido (disidratato). Da ciò ne consegue naturalmente un guadagno di spazio per lo stoccaggio e il trasporto dei fanghi. Questa fase acquisisce un'importanza sempre maggiore nel momento in cui i fanghi industriali sono sempre più numerosi. Questa operazione è poco costosa e quindi conveniente per le industrie. In questo contesto e per un risultato ottimale, vengono sempre più spesso utilizzate tecniche innovative, in particolare l'essiccazione solare.

Come possono essere riutilizzati i fanghi di depurazione?

Una volta trattati, i fanghi sono pronti per entrare in un sistema…

-       di valorizzazione

O

-       di smaltimento

Tutto dipende dal trattamento che hanno subito e dal settore da cui provengono.

È evidente che i fanghi proventi da acque reflue dei settori nucleare o chimico saranno sempre destinati allo smaltimento e non alla valorizzazione. Viceversa, con un fango di qualità derivante dal settore agroalimentare si avrà tutto l'interesse al suo utilizzo su terreni agricoli ove permesso.

Per approfondire…

La valorizzazione dei fanghi

Determinati fanghi possono essere usati in ambito agricolo, distribuendoli sui campi come fertilizzante o compost. Altre tipologie di fango possono, previa disidratazione, essere inseriti in forni per trattamento termico per la produzione di energia. Talvolta è possibile utilizzare i fanghi nell'industria, introducendoli nuovamente nel circuito di produzione.

Lo smaltimento dei fanghi

Per i fanghi con particolato molto difficile da gestire, l'unica soluzione rimane l'incenerimento. Altre tipologie ancora vengono smaltite insieme ai rifiuti domestici.

È NOSTRO DOVERE RENDERE PIÙ LIMPIDO IL NOSTRO UNIVERSO…

Air Liquide aiuta le imprese nella gestione e nel trattamento delle acque reflue industriali. Esperti conoscitori della materia, rispondiamo a qualsiasi domanda possiate avere sull'argomento. Perché la nostra missione è proporvi soluzioni, ma anche aiutarvi ad acquisire le conoscenze e le informazioni necessarie per prendere le decisioni migliori. Siete alla ricerca di informazioni specifiche? Non esitate a contattarci, risponderemo nel minor tempo possibile.

Scopri di più riguardo alle nostre applicazioni

Trattamento biologico acque reflue

Controllo ph acqua

Scopri le nostre soluzioni per il trattamento acque

Neutralizzate i vostri effluenti con una soluzione sicura
Per maggiori informazioni
L’Ozono contro l'inquinamento persistente e i microinquinanti
Per maggiori informazioni
Migliora le prestazioni del tuo impianto di trattamento biologico delle acque reflue
Per maggiori informazioni
Indirizzo

Air Liquide Italia S.p.A.
via Calabria, 31
20158 Milano

Telefono:

02 30464994

Chiedi un preventivo

Clicca qui per la tua richiesta