Salta al contenuto principale

Dosatori

Sono apparecchiature ad azoto liquido utilizzate per inertizzare o pressurizzare contenitori

I dosatori sono apparecchiature ad azoto liquido utilizzate per inertizzare o pressurizzare contenitori.

Nel caso dell’inertizzazione si può operare in due modi differenti:

  • Prima del riempimento, una piccola dose di azoto liquido è introdotta nel contenitore vuoto. L’azoto liquido si trasforma rapidamente in gas a temperatura ambiente ed espelle l’aria presente nel contenitore. Successivamente il contenitore viene riempito di prodotto.
  • Dopo il riempimento una piccola dose di azoto liquido è versata nello spazio di testa del contenitore riducendone drasticamente il contenuto di ossigeno presente. Successivamente il contenitore viene chiuso e/o sigillato.

Nel caso della pressurizzazione una piccola dose di azoto liquido viene introdotta nello spazio di testa della bottiglia/contenitore dopo il suo riempimento e prima della chiusura. L’azoto liquido si trasforma rapidamente in gas a temperatura ambiente e contemporaneamente alla chiusura della bottiglia crea una pressurizzazione all’interno del contenitore conferendone rigidità.

L’introduzione di N2 prima del riempimento di bottiglie permette ai vini di ridurre il quantitativo di ossigeno in essi disciolto. Viceversa, l’immissione di azoto nello spazio di testa delle bottiglie in PET consente la messa in pressione delle stesse, permettendo diversi vantaggi:

  • Sgrammatura delle bottiglie (minor quantità di PET necessaria per la realizzazione della bottiglia)
  • Maggior impilabilità nel magazzino di stoccaggio
  • Stabilità nei trasporti (specialmente nelle discese di montagna)
  • Miglior movimentazione sulle linee di confezionamento di trasporto

Mercati